Approvato il Reddito di cittadinanza: fino a 780 euro per i disoccupati!

reddito di cittadinanza per disoccupati

Nei giorni scorsi il Movimento Cinque Stelle ha proposto un disegno legge in Commissione lavoro a Palazzo Madama, e che prevede un contributo fino a 780 euro mensili individuali. La proposta avanzata dal Movimento Cinque Stelle riprende il modello danese e nello specifico è stata presentata dalla Senatrice Nunzia Catalfo. Chi potrà richiedere tale reddito? Ebbene, per poter beneficiare di tale reddito di cittadinanza, bisognerà essere maggiorenni, inoccupati o disoccupati. Inoltre, coloro i quali beneficeranno del reddito di cittadinanza, ovviamente ad esclusione dei pensionati, deve dare disponibilità al lavoro presso i centri per l’impiego del territorio
Sostanzialmente si tratta di un’iniziativa che prevede un impiego di denaro non indifferente, ovvero 15,5 miliardi, che stando a quanto riferito dal Movimento Cinque Stelle potranno essere recuperati con i risparmi delle spese militari che ammontano a circa 3,5 miliardi, dall’imposta sui grandi patrimoni che ammonta tra i 2 ed i 4 miliardi, e poi ancora dalla riduzione dei costi della politica, dalla tassazione delle grandi società del petrolio e gas e dalla riduzione dell’8 per mille alla chiesa.

“Il reddito di cittadinanza è vedere il mondo del lavoro in un altro modo, è un diritto civile. E’ destinato a chi perde il lavoro, a chi non lo raggiunge. Sono 780 euro al mese, ma varia a seconda del numero dei componenti familiari e chi ne usufruisce segue un percorso con lo Stato. Gli si offrono due-tre lavori: se non li accetta, perde il reddito. Le coperture si potrebbero ricavare dalle spese per gli armamenti, dal gioco d’azzardo e da una patrimoniale: ci sono persone che hanno due-tre milioni di euro di reddito. Se gli prendi lo 0,5-l’1% a questo scopo non credo siano contrari. Discuteremo anche con la Cei…”, ha dichiarato Beppe Grillo alcuni giorni fa nel corso di un’intervista.

reddito di cittadinanza per disoccupati