Marinaleda: la città dove non esiste disoccupazione e gli affitti costano 15 euro al mese.

Disoccupazione giovanile o disoccupazione e basta? Non a Marinaleda, nel cuore dell’Andalusia dove tutti i cittadini hanno un lavoro grazie ad un’iniziativa del sindaco. Si tratta di un piccola comunità rurale, dove come già anticipato non esiste crisi economica e non esiste soprattutto la disoccupazione. L’iniziativa di cui abbiamo appena accennato è stata messa in atto dall’attuale sindaco della cittadina, ovvero Juan Manuel Sànchez Gordillo il quale ha portato avanti una politica economica e sociale basata su un motto, ovvero “non più competitività ma solo cooperazione”; sostanzialmente la gente del paese, che consta tra l’altro di circa 2.500 abitanti, è stata invitata ad occuparsi dei terreni agricoli, unica fonte di ricchezza del luogo ed infatti ad oggi la comunità di Marinaleda è la prima nella zona a produrre, conservare ed esportare peperoni carciofi, legumi, olio d’oliva.

Circa il 70% degli abitanti coltiva la terra ed il restante 30% è impegnato in piccole attività commerciali ed istituzioni come scuole ed uffici.
Di conseguenza anche il costo della vita è proporzionato, considerando che i cittadini per potersi costruire una casa di 90 metri quadri devono investire un anticipo di soli 15 euro, senza bisogno di fare alcun prestito, alcun mutuo, ma il denaro viene prestato a tasso zero dal governo e la quota da versare mensilmente viene decisa dagli stessi cittadini in assemblea.

I cittadini, inoltre, guadagnano ben 47 euro al giorno per sei giorni alla settimana che moltiplicato per un intero mese fa 1.128 euro al mese. “La cosa più importante che abbiamo fatto qui è stata quella di lottare per ottenere terra con mezzi pacifici e garantire che la casa è un diritto, non un business” ha dichiarato il sindaco Sànchez Gordillo che tra l’altro è stato soprannominato il Robin Hood di Spagna


Casares-Andalusia